Exif_JPEG_420

Interessantissimi sono i ritrovamenti del corredo funebre della tomba degli Ori di Canosa, dove abbiamo una prova della bravura raggiunta dagli artigiani tarantini. 

MARTA – Museo Nazionale archeologico di Taranto

MARTA – Museo Nazionale Archeologico di Taranto.

Exif_JPEG_420

Gioielli decorativi in oro e ambra.

Gioielli decorativi in oro e ambra.

 

 

Quest’oggi siamo andate a visitare il MARTA -Museo archeologico nazionale di Taranto, uno dei musei più organizzati che abbiamo visitato.

Organizzato in venticinque sale, che racchiudono dai reperti di arte funeraria all’arte musiva, per passare alle produzioni numismatiche delle più antiche zecche del sud Italia, arrivando fino al fiore all’occhiello di questo museo: le oreficerie di età ellenistica.

Tutti i pezzi sono esposti in teche illuminate e ben organizzate, questo ci dà la possibilità di poter osservare bene tutti i dettagli dei gioielli. Ritroviamo alcuni splendidi esemplari di orecchini a navicella, dalla caratteristica forma a mezza luna, con minute decorazioni in filigrana o con la granulazione. Tutte le gemme semipreziose utilizzate, come la corniola o il quarzo di rocca, sono incise a mo’ di sigillo e poste su ciondoli o anelli ruotanti.

Il museo inoltre dispone di alcuni cataloghi molto interessanti tra cui il catalogo ORI, di D’Amicis e Masiello, che esamina ogni singolo pezzo di gioielleria, con foto a colori e ingrandimenti dei particolari, tramite la collocazione geografica del ritrovamento e la tecnica utilizzata e la sua spiegazione.